Libri brevi con meno di 100 pagine da leggere

Articolo: Libri brevi con meno di 100 pagine da leggere

1. Cosa intendiamo per libri brevi?

Ho scelto di scrivere un articolo con il titolo Libri brevi con meno di 100 pagine da leggere, perché credo molto in questo tipo di letture.

Iniziamo subito con il definire cos’è per noi un libro breve. Possiamo definire un libro breve un libro veloce da leggere e che non conta troppe pagine, diciamo libri di 100 pagine, massimo 150 pagine.

Un libro breve, piccolo, corto, chiamatelo come volete, è un libro che ci fa pensare “beh è fattibile”, anche se abbiamo ancora una sfilza di libri da leggere nella nostra libreria. Basandomi su quest’idea ho selezionato una serie di titoli che rispettano queste caratteristiche, aggiungendo anche i titoli che mi avete suggerito su Instagram, rispondendo a domande, commenti e stories.

libri brevi da leggere

2. 4 motivi per leggere libri con meno di 100 pagine

Le letture brevi possono essere una manna dal cielo per chi si lascia spaventare dalla mole di un libro prima ancora di leggerlo. Un libro breve ci dà la sensazione di qualcosa che siamo in grado di iniziare e terminare nel giro di poco tempo, ci stimola e in certi casi risolve il blocco del lettore.

I tre motivi per leggere un libro breve quindi sono:

  1. Perfetto per cominciare: un lettore alle prime armi, di qualunque età, sarà più propenso alla lettura se lo spessore del libro è ridotto.
  2. Ottimizzare il tempo: un libro breve è la gioia di chi ha poco tempo e non vuole rinunciare al piacere di una bella storia.
  3. L’effetto ciliegia: la lettura è scoperta, leggere un libro più breve permette di passare da una storia all’altra nel giro di poco tempo, scoprendo ogni volta luoghi, personaggi e situazioni nuove.
  4. Il piacere dell’ultima pagina: una lettura di questo tipo assicura la soddisfazione di aver completato qualcosa e di aver raggiunto l’obiettivo. E poi quando si sfoglia l’ultima pagina è sempre un gran bel momento, da vivere e rivivere.

3. I libri brevi da leggere in qualsiasi momento

Passiamo quindi al motivo principale per cui stai ancora leggendo questo articolo: la lista di libri brevi da leggere che ho selezionato per te.
Ho ricevuto un libro da una casa editrice e vista la sua dimensione ho pensato ad una lista di libri brevi da leggere quando si vuole evitare il classico mattone.

Ho diviso queste letture per livello di curiosità e ho aggiunto qualche dettaglio ai titoli che ho letto!
Ogni libro avrà un rimando diretto per permettervi di approfondirlo e acquistarlo. Vi ho indicato anche il numero di pagine secondo una delle edizioni sul mercato (a titolo informativo e indicativo). Avvisatemi quando sceglierete di leggere uno di questi titoli, magari potremmo leggerlo insieme!


Scopri la mia vetrina su Amazon!

10 libri brevi con meno di 100 pagine – parte 1

Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie“. Si apre cosi la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza più che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i figli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrificare, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è più radicale dell’abbandono, ma niente è più tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffiorare quello che abbiamo provato a mettere da parte. Domenico Starnone ci regala una storia emozionante e fortissima, il racconto di una fuga, di un ritorno, di tutti i fallimenti, quelli che ci sembrano insuperabili e quelli che ci fanno compagnia per una vita intera.

https://amzn.to/3CGmFdx

La natura lirica, fantastica e fantasmagorica di Pietroburgo è tutta infusa nelle Notti bianche, romanzo pubblicato per la prima volta nel 1848. Il giovane protagonista della vicenda è un sognatore. Immerso in uno sciame di pensieri e fantasticherie, nelle lucide notti estive, il giovane intraprende in solitudine lunghe passeggiate per le vie cittadine fino al sorprendente incontro con Nasten’ka, un altro essere notturno, e al sogno di un’avventura meravigliosa.
La Francia, i viaggi per mare, il profumo dei gelsi a Lavilledieu, i treni a vapore, la voce di Hélène. Hervé Joncour continuò a raccontare la sua vita, come mai, nella sua vita, aveva fatto. “Questo non è un romanzo. E neppure un racconto. Questa è una storia. Inizia con un uomo che attraversa il mondo, e finisce con un lago che se ne sta lì, in una giornata di vento. L’uomo si chiama Hervé Joncour. Il lago non si sa.”
Non ingombrare, non essere ingombranti: è l’unica prospettiva che si possa contare fra quelle positive, efficaci, forse anche moralmente e politicamente buone. Gabriele Romagnoli ha avuto modo di pensarci in Corea, mentre era virtualmente morto, chiuso in una cassa di legno, per un bizzarro rito-esperimento. Nel silenzio claustrofobico di quella bara, con addosso solo una vestaglia senza tasche (perché, come si dice a Napoli, “l’ultimo vestito è senza tasche”), arrivano le storie, le riflessioni, i pensieri ossessivi che hanno a che fare con la moderazione. Il bagaglio a mano, per esempio. Un bagaglio che chiede l’indispensabile, e dunque, chiedendo di scegliere, mette in moto una critica del possibile.

https://amzn.to/3PoRkn7

Nel piccolo appartamento buio che hanno preso in affitto Tat’jana vede i Karin girare in tondo, dalla mattina alla sera, come fanno le mosche in autunno. Lei, che è stata testimone del loro splendore, che li ha visti crescere, che li ha curati e amati per due generazioni con fedeltà inesausta, li vedrà adesso vendere le posate, i pizzi, perfino le icone che hanno portato con sé. Sembra che nessuno di loro voglia ricordare ciò che è stato; solo lei, Tat’jana Ivanovna, ricorda: così una notte, quella della vigilia di Natale, mentre tutti sono fuori a festeggiare, si avvia da sola, avvolta nel suo scialle, verso la Senna.

https://amzn.to/3NHJ0xM

Da trent’anni, da quando la rivoluzione sessuale ha bussato alla sua porta, il professor David Kepesh tiene fede al suo giuramento: non avere mai una relazione stabile con una donna. Ma un giorno, nell’aula del suo corso di critica letteraria all’università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, una ragazza cubana alta e affascinante che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore.

https://amzn.to/3Xn9ZBJ

Dopo alcuni anni trascorsi in terra straniera, Almustafa (ovvero l’eletto di Dio), sente che è giunto il momento di fare ritorno all’isola nativa. In procinto di salpare egli affida al popolo della città di Orphalese un prezioso testamento spirituale: una serie di riposte intorno ai grandi temi della vita e della morte, dell’amore e della fede, del bene e del male. Una silloge che abbraccia i problemi fondamentali dell’esistenza, il capolavoro del poeta libanese è anche libro di notevole fascino.

https://amzn.to/3XnalZ5

Sir George e Lady Hattie Stubbs desiderano movimentare la festa che stanno organizzando nella loro dimora estiva: invece della solita, noiosa caccia al tesoro, una indimenticabile Caccia all’assassino. Ne affidano la regia alla celebre giallista Ariadne Oliver, che a sua volta coinvolge l’amico Hercule Poirot. Il suo intuito femminile ha forse percepito qualcosa di sinistro nell’aria rarefatta di Greenshore? Fatto sta che nei giardini della grandiosa villa con tempietto neoclassico e approdo privato sul fiume il delitto simulato si consuma davvero, e la presenza dell’investigatore si rivelerà provvidenziale…

https://amzn.to/448xCjI

Un inventore mette a punto una macchina del tempo con la quale riesce a raggiungere l’anno 802 701. Vi trova un mondo diviso in due razze umane: gli Eloj, creature delicate e pacifiche che conducono una vita di svaghi, e i Morlock, esseri pallidi e ripugnanti che vivono nei sotterranei. Dopo angoscianti avventure, riuscirà ad andare ancora più lontano nel tempo, in una Terra senza più tracce di uomini, abitata soltanto da crostacei con «occhi maligni» e «bocche bramose di cibo». Fantascienza, critica sociale, romanzo distopico: il capolavoro di Wells è soprattutto l’opera di un grande visionario e Michele Mari, nel ritradurlo, ha trovato pane per i suoi denti. L’incontro tra lo scrittore-traduttore e uno dei suoi romanzi preferiti era destinato a produrre scintille…

https://amzn.to/3JpTEXs

Otto, il protagonista di questo racconto che segnò l’esordio letterario di Márai, è un formidabile, agghiacciante esempio di abiezione spontanea, naturale e ragionevole: uccidere animali in un mattatoio o soldati nemici in guerra non fa una grande differenza per lui, anzi corrisponde a una sorta di vocazione. Che si manifesterà in seguito in una forma brutale. Anticipando la Figura di Moosbrugger, il memorabile criminale dell'”Uomo senza qualità” di Musil, Márai ha saputo concentrare in un personaggio l’incontenibile sommovimento psichico che condusse alla prima guerra mondiale e devastò gli anni successivi. Ma racconta tutto questo con la pacatezza, lo scrupolo e la concisione di un cronista – come qualcosa che appartiene a una nuova, terrificante normalità.

https://amzn.to/44umvlx

  1. 🟡 L’ ultimo amore di Baba Dunja – Alina Bronsky / 176 pagine
  2. 👍🏻 Scrivere è amare di nuovo – Rossana Campo / 134 pagine
  3. 🔴 Lasciami andare madre – Helga Schneider / 84 pagine
  4. 🔴 Montediddio – Erri de Luca / 144 pagine
  5. 🟢 Sette brevi lezioni di fisica – Carlo Rovelli / 88 pagine
  6. 🟢 Uomini e topi – John Steinbeck / 139 pagine (suggerito da @martibort)

E' disponibile su Amazon il Reading Journal del gruppo di lettura 10 pagine al giorno. 
Clicca per comprarlo o per scoprire il gruppo su Telegram!