Fidanzati dell’inverno di Christelle Dabos

Nello di Coste
3,1 min read629 words
SHARE

Alla scoperta di Fidanzati dell’inverno di Christelle Dabos

Fidanzati dell’inverno di Christelle Dabos  è uno dei primi libri letti nel 2021.
Navigando sul mio blog mi sono accorto che gli ho mai dedicato una recensione a questo libro, e quindi ho pensato di scrivere qualcosa in più sul primo volume della Saga dell’Attraversaspecchi.

Innanzitutto vi mostro il post che avevo pubblicato su Instagram. Mi divertii molto per creare il post per Fidanzati dell’inverno. Utilizzai le carte di Dixit per raffigurare la storia in 5 immagini. Ed ecco il risultato, dategli un’occhiata.

Tutto su Fidanzati dell’inverno di Christelle Dabos

Fidanzati dell’inverno è il primo di una saga di 4 libri, di seguito vi racconterò la trama, cosa mi piaciuto, cosa non mi è piaciuto, e soprattutto se leggerò il secondo libro della saga (Gli scomparsi di Chiardiluna). Ma questo ve lo dirò alla fine.

La trama del libro

Ofelia è la protagonista della saga di Christelle Dabos, che ci porta in un universo di ventuno arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. Ofelia è nata sull’arca “Anima”, un posto pacifico e tranquillo. E’ una ragazza timida, goffa e miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti.

La sua vita cambia improvvisamente quando le Decane della città decidono di darla in sposa al nobile Thorn, della potente famiglia dei Draghi, che vivono su un’altra arca, “Polo”. Un luogo freddo e inospitale, abitato da bestie giganti e famiglie sempre in lotta tra loro.

Come mai proprio lei? Ma per quale scopo è stata scelta proprio lei? Con Ofelia scopriremo (speriamo) l’enigma da cui potrebbe dipendere il destino del suo mondo e  (magari) come risolverlo.

Cosa mi è piaciuto di Fidanzati dell’inverno

Il libro mostra da subito l’enorme fantasia della scrittrice.

Come prima cosa mi sono piaciuti molto i poteri della protagonista: quello di attraversare gli specchi mi sembra un potere che apre mille possibilità di trama, mentre quello di leggere il passato degli oggetti ha un sapore nuovo e nostalgico allo stesso tempo. Promossi tutti e due quindi.

Mi è piaciuta anche la realtà in cui veniamo calati: le arche, un pianeta dimenticato e famiglie che conservano la memoria della loro storia tramite i loro spiriti di famiglia.

Mi è piaciuta tantissimo la copertina, con tutti quei dettagli e quelle illustrazioni da perdere la testa, da stampare e appendere in camera.

Mi è piaciuto lo stile e la leggerezza della narrazione, nonostante in alcuni punti fosse più noiosa che leggera.

Cosa NON mi è piaciuto di Fidanzati dell’inverno

Non mi sono piaciuti al 100% i personaggi, avevano ottimi spunti ma gli ho trovati piatti e stereotipati: lui forte e duro, lei goffa e debole. Mi ha ricordato Twilight, ma non la trovo una cosa positiva.

Non mi sono piaciute determinate dinamiche della storia, che stenta costantemente a partire. Il primo libro è sostanzialmente l’antefatto di una storia che non è iniziata ancora e che mi auguro di capire nel secondo libro. In pratica accade davvero poco o niente di realmente importante e dopo la pagina 300 capiamo che non arriveranno grandi sorprese e che dovremo acquistare il secondo libro.

Non mi è piaciuto trovare fin troppi richiami ad altre saghe, e riconoscerle nella lettura. Vedi Twilight, Harry Potter, La bussola d’Oro, e altri ancora.

Nel complesso non sono del tutto soddisfatto di questo libro, ma ho comprato il secondo per dargli proprio una seconda possibilità.

IG: @nello_di_coste

  • Titolo: Fidanzati dell’inverno
  • Autore: Christelle Dabos
  • Casa Editrice: E/o Edizioni
  • Anno: 20218
  • N° pagine: 504

Puoi comprare il libro dal mio scaffale su Amazon

Per comprare Fidanzati dell’inverno puoi cliccare sul link in basso e scoprirai il mio Scaffale su Amazon. Comprando articoli da lì supporterai il mio blog pagando sempre la stessa cifra!

Vai all’acquisto :

https://amzn.to/2ZkklbU

Falla girare!